Piovono calcinacci dal cavalcavia
blocco e code chilometriche in tangenziale ovest
Malasorte o evento prevedibile?

7 novembre 2016. Tangenziale ovest bloccata dal pomeriggio di ieri con code di oltre 10 km per prendere l’autostrada del Sole, a causa di calcinacci caduti dal ponte della strada provinciale 614, che da San Giuliano Milanese porta a Locate Triulzi. Per questa strada, che alleggerisce il traffico proprio della tangenziale ovest, la chiusura è invece a tempo indeterminato, per impedire ulteriori pericolose sollecitazioni al ponte.
Ai nostri lettori forse quest’evento fa tornare alla memoria un post pubblicato a ridosso di ferragosto, a cui fanno riferimento le immagini. La nostra sentinella Tony Bruson, sotto il ponte della tangenziale che a Rozzano scavalca il Lambro Meridionale e la trafficata via Curiel, aveva visto penzolare un cavo, fessure tra i giunti, lastre di metallo arrugginito e cemento sfaldato. Da ciò la richiesta d’intervento alla polizia locale, prontamente accorsa, e una lettera urgente della nostra associazione alla società Serravalle, per chiedere le necessarie verifiche. La celere risposta della società ci aveva tranquillizzati (vedi testo nelle immagini) ma quanto accaduto ieri, a neanche 9 km di distanza, deve far riflettere, e non poco.
Come mai la Società “nelle verifiche tecniche svolte trimestralmente su tutti i manufatti” non si è accorta di nulla? Ad aggravare le cose, c’è da aggiungere che il ponte di San Giuliano non ha 50 anni come quello di Rozzano, ma è stato completamente ricostruito dopo un incidente accaduto una decina di anni fa.
Per concludere: magari è improprio collegare i due eventi qui riferiti, o forse sono la spia di qualcosa che non va nella programmazione degli interventi ispettivi e manutentivi di una fondamentale arteria come la tangenziale ovest milanese.

Ponte tang ovest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy