Parco naturale nel Parco Sud: è ora di procedere
Le associazioni ambientaliste lo chiedono all’unisono
a Ente Parco e ai 34 Sindaci interessati

23 gennaio 2020. Portare a termine l’iter per la delimitazione dei confini del Parco Naturale che, per legge, deve essere istituito all’interno del Parco Agricolo Sud Milano e uscire dalla logica del no delle associazioni agricole: questo è il senso della lettera-appello firmata da 16 associazioni ambientaliste, che dà voce ai tanti cittadini che aspirano a vivere in un ambiente più pulito e tutelato. Se non è comprensibile il no preconcetto di molti agricoltori, più comprensibile è la preoccupazione dei cacciatori, gli unici ad avere una limitazione nelle loro attività. Non ve ne abbiate comunque a male: potrete ancora cacciare nell’82% dei territori del Parco. Mica poco!
Ecco il testo della lettera agli Amministratori pubblici chiamati a prendere la decisione.

Delimitazione delle aree a Parco Naturale nel Parco Agricolo Sud Milano:
è ora di andare all’approvazione

Gentile Presidente e Consiglieri del Parco Agricolo Sud Milano
Gentili Sindaci dei 34 Comuni interessati dalla proposta in discussione

A vent’anni dal suo Piano Territoriale, il Parco Agricolo Sud Milano non ha ancora istituito al proprio interno il Parco Naturale, così come previsto dalla legge regionale sulle aree protette (L.R. 86/1983) ma, soprattutto, così come auspicato da tanti cittadini, che desiderano vengano valorizzate e meglio tutelate le aree di pregio naturale nel Parco dove, per fare un esempio lampante, attualmente è possibile cacciare.
Dopo un lungo iter di studi ed esami da parte dei tecnici del Parco, lo scorso mese di marzo è stata presentata dall’Ente Parco una proposta di delimitazione, comprendente le aree a più elevata naturalità, proposta che ha avuto il contributo fattivo delle esperienze “sul campo” di noi associazioni ambientaliste. Durante le numerose presentazioni sul territorio, abbiamo assistito alla presa di posizione contraria di una parte consistente delle associazioni del settore agricolo. Contrarietà che si è mantenuta anche a fronte di rassicurazioni sul fatto che nel Parco Naturale sarà vietata la caccia e l’attività estrattiva, ma non ci saranno ripercussioni o limitazioni nello svolgimento delle attività agricole. Al contrario, vi sono dichiarazioni importanti, anche a livello europeo, che indicano la possibilità per gli operatori agricoli dei parchi naturali di accedere con più facilità a incentivi economici.
Non è certo nostra intenzione creare contrapposizioni o steccati tra il mondo ambientalista e quello agricolo: la loro complementarietà genera benefici ben evidenti, tanto nel Parco Agricolo Sud Milano quanto a livello Paese e oltre.
Ma non possiamo attendere oltre: la valorizzazione delle aree del Parco Agricolo Sud Milano passa attraverso questo atto costitutivo. A nome dei cittadini sensibili alla qualità ambientale, noi associazioni chiediamo che l’iter di delimitazione delle aree del costituendo Parco Naturale nel Parco Agricolo Sud Milano, proceda speditamente, con l’approvazione della proposta nel Consiglio direttivo e nella conferenza dei Sindaci dei Comuni interessati.

Associazione per il Parco Sud Milano
Italia Nostra Sezione Milano Nord – Centro Forestazione Urbana
Legambiente Lombardia
Lipu Lombardia
WWF Lombardia

Associazione BuonMercato
Circolo Legambiente Terre di Parchi di Abbiategrasso
DESR Parco Sud (Distretto Rurale di Economia Solidale)
La Mischia – Circolo di cultura e politica di Vernate
Legambiente Circolo di Vittuone
Legambiente “Il fontanile” Circolo di Buccinasco-Corsico
Legambiente Circolo di Melegnano
Legambiente Circolo di Rho
Legambiente Circolo Zanna Bianca – Milano
Osservatorio permanente contro il consumo di suolo e per la tutela del paesaggio nel Sud Est
WWF Martesana Sud Milano

Lettera-appello degli ambientalisti per il Parco Naturale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy