Segrate, ricollocazione centro commerciale

A Segrate, dove le battaglie dei cittadini
hanno già salvato 1 milione di mq di verde,
un’altra vittoria: su un centro commerciale

24 febbraio 2018. Così si fa! Dopo la grande vittoria del 2015 che ha consentito la cancellazione del Piano di governo del territorio (PGT) messo sulla carta dall’ex sindaco Alessandrini -ha guidato per 10 anni questo comune del Parco Sud e verrà ricordato come colui che si è guadagnato, nel 2012, il premio Attila del WWF per la sua smania edificatoria da oltre 1 milione di mq di aree agricole- i cittadini di Segrate (in particolare del Comitato per il Golfo Agricolo e di associazioni ambientaliste) vincono un’altra battaglia per la salvaguardia del verde e del paesaggio: il nuovo centro commerciale, che avrebbe dovuto sorgere alle porte di Milano 2, come deliberato una decina di giorni prima delle elezioni dalla Giunta Alessandrini nel maggio 2015, verrà sì realizzato, ma con minori cubature e in un’area già dedicata al commercio.
Non edificare in aree verdi era stato anche l’impegno che Segrate Nostra, che attualmente amministra il Comune, aveva preso nell’ultima settimana di quella campagna elettorale del 2015. “Sapevamo che gran parte dei residenti del quartiere erano contrari all’utilizzazione commerciale dei 12.000 mq di area verde all’ingresso sud di Milano 2 e…

 

 

 

 

(altro…)

Porto di Mare, con la primavera già pronto il percorso passeggiata-running

Porto di Mare, con la primavera
già pronto il percorso passeggiata-running 
E poi la pista di mountan-bike, ma non solo

23 febbraio 2018. Dal letame nascono i fior… cantava De Andrè. Da quell’ammasso di rifiuti e sterminate aree degradate sta per nascere un meraviglioso parco, che vedrà come prima realizzazione il percorso ad anello per passeggiata-running, pronto entro aprile: un percorso che già oggi – nei tratti già pronti- vede persone provenienti dal Parco Cassinis a spasso in solitaria o in gruppo, ma anche a passeggio con i cani. Subito dopo, entro fine primavera, si potrà anche -nella zona più ondulata del parco- correre sulla pista di mountan-bike.
Sono questi i primi risultati raggiunti del lungo lavoro intrapreso dal Centro di Forestazione Urbana che, nel giro di 5 anni, porterà la vasta area (650mila mq) a trasformarsi in un vero e proprio parco in grado di offrire opportunità di svago, sport, oasi naturalistiche, itinerari culturali: perché è prevista anche la creazione di un percorso definitivo, con nuovi punti di accesso, con anche la realizzazione di una ciclabile che collegherà la stazione MM di Porto di Mare al Parco della Vettabbia e da qui -attraverso la ciclabile esistente- a Chiaravalle e al il “sistema” Valle dei Monaci – Mater Cult: un percorso tra città e campagna, ricco di storia e cultura. E poi…

(altro…)

Inquinamento da oli delle acque del Naviglio Pavese

Inquinamento da oli del Naviglio Pavese
trovati i possibili tubi di sversamento
Esposto dell’Associazione Parco Sud agli Enti 

21 febbraio 2018. Due settimane fa la nostra sentinella Tony Bruson aveva scoperto uno sversamento di sostanze oleose nel Naviglio Pavese, all’altezza di Rozzano, in località Cassino Scanasio (vedi anche video). Nei giorni successivi la nostra associazione ha verificato il tratto di naviglio di Rozzano e Assago dove, tra il corso d’acqua e la vicina ex statale dei Giovi, è presente una stretta fascia di abitazioni e piccoli capannoni artigianali ed altre attività varie, quali ristorazione e svago. Più a nord, in comune di Milano, le sponde sono libere da costruzioni e quindi qualsiasi scarico sarebbe dovuto essere effettuato da persone con bidoni: troppo visibili dalla trafficata arteria per passare inosservati. Le nostre ricerche hanno portato forse a scoprire la causa dell’inquinamento o quantomeno tubi (o cannelli) di scarico che sul Naviglio proprio non dovrebbero esserci….

(altro…)

VeleninutrieBasiglio

Lo strano caso di nutrie morte
e arance gettate sui prati a Basiglio
Semplice coincidenza o qualcuno usa i veleni?

18 febbraio 2018. La prima segnalazione risale a due giorni fa, quando una signora che portava a spasso il cane ha notato nutrie morte lungo la striscia di terreno alberato che costeggia via dei Longobardi a Basiglio, delimitato dal corso d’acqua Cavo Villamaggiore.

Fin qui nulla di strano, se non la vicinanza di arance tagliate a metà, sparse sul prato. Dopo un rapido passaparola, la segnalazione è arrivata alla sentinella Tony Bruson, dell’Associazione per il Parco Sud Milano Onlus, che ha allertato Valerio Marazzi, assessore all’ambiente di Basiglio. Questi, a sua volta, ha avvisato del fatto la polizia metropolitana, che il 16 febbraio ha reperito due nutrie morte.

Ieri, due sentinelle dell’associazione e due GEV (Guardie Ecologiche Volontarie) hanno perlustrato la zona: le nutrie trovate morte in un tratto di duecento metri del corso d’acqua sono salite a tre. Strano quantitativo di frutta trovata sui prati, anche a una decina di metri dalle case di Milano 3…

(altro…)

Cassina PLIS

Cassina de’ Pecchi e Bussero primi protagonisti
del PLIS Martesana: a fine anno avrà 1.500 ettari
Intanto l’Ente Parco Sud rifiuta il dono di 18 ettari

17 febbraio 2018. Sono anni che se ne discute, si fanno riunioni, incontri… poi però non si era concretizzato un bel nulla.  Ma ecco che in questi giorni è arrivata la notizia: nasce il PLIS (Parco locale di interesse sovracomunale) della Martesana, per ora con due comuni, Cassina de’ Pecchi e Bussero, che partono con 81 ettari di aree a verde e agricole. “Entro fine anno – ci racconta Tommaso Chiarella, assessore di Cascina de’ Pecchi- dovrebbero aggiungersi Gessate, Gorgonzola, Melzo, Inzago, Vaprio d’Adda, Segrate, Pioltello, Cologno Monzese e alcune aree di Milano: insieme dovremmo superare i 1.500 ettari”. Un mix di comuni del Parco Sud, ma non solo: benvengano le aree protette che salvaguardano e valorizzano ambiente, agricoltura, paesaggio e consentono la fruibilità di un’area davvero bella e ricca di beni storici. Perché i comuni si adoperano per la valorizzazione delle aree, mentre l’Ente Parco Sud non vuole quelle donate da Cassina de’ Pecchi?

(altro…)

Copertura Corio

Per coprire la Roggia Corio Assago
il Comune afferma che è insicura
Beh, allora c’è da tombinare tutto il sud Milano

16 febbraio 2018. L’incontro di mercoledì scorso, tra l’assessore all’urbanistica di Assago Mario Burgazzi il presidente dell’Associazione per il Parco Sud Renato Aquilani, l’ambientalista locale Davide Gelmini e il consigliere M5S Maurizio Lo Presti, ha dimostrato che il tempo per dialogare c’è; che poi ci sia anche la voglia, è un altro paio di maniche.
Infatti, la tombinatura di due tratti di circa 200 metri nel centro abitato di Assago non è ancora un progetto, ma è solo al momento una volontà politica dell’Amministrazione di Assago. Il progetto è in corso di redazione da parte di Cap Holding (società pubblica che gestisce il ciclo delle acque nel milanese) e ha lo scopo di realizzare una pista ciclabile.
Nulla di male favorire la mobilità su due ruote, ma ci si chiede se sia proprio necessario chiudere una roggia, senza neanche provare a cercare delle alternative, magari a fianco del corso d’acqua.Se all’inizio le motivazioni addotte erano di criticità attinenti igiene pubblica e si sicurezza…

(altro…)

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy